Addominoplastica



In presenza di un addome rilassato, con un eccesso di tessuti adiposo e cutaneo, come succede negli esiti di interventi addominali, parti cesarei, gravidanze o improvvisi dimagrimenti, occorre ridurre questo eccesso chirurgicamente con l’intervento di Addominoplastica.



Tramite un’incisione bassa a livello del pube si scolla la cute addominale fino alle arcate costali e la si riposiziona portandola verso il basso ed asportandone l’eccesso. Nei casi che lo richiedono si corregge anche un’eventuale debolezza della parete muscolare. L’intervento, eseguito in anestesia generale, dura circa due ore e comporta una degenza clinica di almeno una notte. Nei casi più lievi può essere eseguito in Day Surgery. Solitamente vengono inseriti dei drenaggi, rimossi dopo uno-due giorni e la medicazione comporta sempre l’utilizzo di una fascia addominale contenitiva. I punti di sutura sono rimossi dopo circa 12-14 giorni, durante i quali è consigliato il riposo. Residua sempre una cicatrice più o meno lunga e visibile nella regione addominale inferiore.