Correzione chirurgica delle cicatrici



I risultati nella Correzione delle cicatrici sono influenzati da numerosi fattori. La cicatrizzazione dei tessuti comporta un’enorme variabilità individuale che talvolta porta alla formazione di cicatrici distrofiche e/o inestetiche a scapito di una pur ottima condotta medica e chirurgica.



Questa predisposizione, che si suppone abbia anche basi ereditarie, è più evidente in alcune regioni corporee, che si dimostrano dunque più “a rischio” per la formazione di cicatrici distrofiche. Le cicatrici sono in genere lineari tranne che nei casi in cui sono esiti di ampie perdite di sostanza e dunque possono essere più larghe e irregolari, coinvolgendo anche strutture delicate o organi di senso. Purtroppo le cicatrici non si possono cancellare del tutto ma si possono comunque migliorare e rendere meno visibili. I trattamenti comprendono varie metodiche, dalla correzione chirurgica diretta o mediante plastiche a “z” alla crioterapia. Questi approcci si possono abbinare ad infiltrazioni di farmaci o alla semplice terapia domiciliare con creme o lamine di silicone. Le cicatrici causate dall'acne possono essere migliorate con trattamenti quali i peeling, che levigano la pelle eliminandone gli strati superficiali. In ogni caso la variabilità dell’efficacia del trattamento fa sì che non esistano terapie risolutive in ogni caso ma solo in casi specifici in base all’esperienza del medico. Le cicatrici depresse possono essere riempite con acido ialuronico. Spesso l’abbinamento di filler e peeling dà i migliori risultati.